fbpx

Assicurazione da Oscar!

28 Feb 2019

Il talento è andato in scena durante la 91esima edizione della cerimonia degli Oscar.

Il 24 febbraio al Dolby Theatre di Los Angeles si è celebrata la serata dedicata all’assegnazione degli Academy Awards, il premio cinematografico più prestigioso e longevo.

 

Dal 1929, infatti, l’Academy of Motion Picture Arts and Sciences (AMPAS), l’organizzazione professionale onoraria statunitense composta da circa 6.000 membri votanti tra attori, registi e produttori, assegna le statuette dorate a chi si è distinto nel mondo del cinema durante l’anno precedente.

 

Le candidature presentate il 22 gennaio sono state suddivise in 25 categorie. Ognuna, quindi, ha avuto un vincitore e la rispettiva assegnazione della famosa statuetta placata in oro 24 carati.

Il film Bohemian Rhapsody si è aggiudicato il maggior numero di Oscar, 4; a seguire, a pari merito con 3 statuette, le pellicole Roma, Green Book e Black Panther.

 

Riepiloghiamo le principali categorie e i vincitori.

 

Miglior film
Green Book
È la storia di un’amicizia tra un buttafuori italoamericano, interpretato da Viggo Mortensen, e un pianista afroamericano, Mahershala Ali, nell’America degli anni ’70 ancora caratterizzata dai pregiudizi etnici.

 

Migliore regia
Alfonso Cuarón con Roma

 

Migliore attore protagonista
Rami Malek in Bohemian Rhapsody

 

Migliore attrice protagonista
Olivia Colman in La favorita

 

Migliore attore non protagonista
Mahershala Ali in Green Book

 

Migliore attrice non protagonista
Regina King in Se la strada potesse parlare

 

Migliore film straniero
Roma di Alfonso Cuarón

 

Miglior fotografia
Roma di Alfonso Cuarón

 

Migliore canzone
Shallow di A star is Born (musica e testi di Lady Gaga)

 

Ogni attore che veste i panni di un personaggio, interpreta un ruolo non sempre cucito su di sé, ma sapientemente studiato e costantemente perfezionato. È il frutto di mesi e mesi di lavoro sia a livello personale, sia di team, dove il collante è la collaborazione tra tutti i soggetti, dagli attori al regista e tutti i membri della troupe.

 

La vittoria di un premio, il raggiungimento di un traguardo, è quindi sempre da considerarsi il risultato di un percorso in cui ha funzionato l’organizzazione del lavoro. Dove c’è stato un direttore d’orchestra carismatico, un leader da stimare e con il quale confrontarsi, e un’unione di intenti da parte di tutti per ottenere il medesimo risultato.

 

È compito di ogni azienda, o professionista che abbia un’attività lavorativa, garantire a sé e ai propri collaboratori un clima di lavoro stimolante, sereno e sicuro.
SAT non potrà assegnarvi l’Oscar per il Miglior Capo ma può sicuramente aiutarvi a interpretare al meglio i rischi e i possibili imprevisti, proponendovi di tutelarvi attraverso coperture assicurative modulari studiate su misura.

 

Scopri di più.